Quest'anno sarà organizzata la seconda edizione di SandRaiders che metterà veramente alla prova tutti gli appassionati di due o 4 ruote che vorranno cimentarsi in quest'avventura. A tutti gli effetti, infatti, la manifestazione non è agonistica, quindi si tratta proprio di un'avventura tra le dune del deserto marocchino.


Per gli appassionati questo evento è assolutamente imperdibile e si potranno trovare anche molti partecipanti alle prime armi che non resistono al fascino di questo evento. In particolare esso avrà luogo dal 30 aprile fino all'otto maggio del 2016 e si svolgerà interamente in terra africana. La quota di iscrizione può sembrare a prima vista piuttosto elevata, infatti è di circa 2 mila euro e non comprende il biglietto aereo per andare e tornare dal Marocco.


Tuttavia ad un'analisi più approfondita si capisce che il costo è ampiamente ricompensato dai servizi offerti ai partecipanti. Infatti l'organizzazione si farà carico di offrire assistenza medica e trasporto dei bagagli, di gestire la logistica e di offrire acqua nei vari settori del tragitto. Inoltre la quota comprende anche le 6 notti nelle quali si alloggerà in hotel, ovviamente con un trattamento di pensione completa per permettere ai guidatori di concentrarsi solo sulla manifestazione.


Sono comprese anche due notti in bivacco e sarà l'organizzazione a provvedere a realizzare il tutto. Saranno anche presenti delle guide che faciliteranno il lavoro dei partecipanti e la loro organizzazione all'interno del Paese straniero. L'evento è quindi molto ben organizzato in quanto è stato previsto ogni singolo inconveniente e ci sarà sempre del personale addetto che potrà risolvere tutti i problemi. I partecipanti dovranno arrivare in Marocco il 30 di Aprile e potranno poi iniziare il percorso il giorno seguente.


La manifestazione si articola in tappe differenti, in modo tale che sia più semplice percorrere l'intero tragitto e che sia più semplice offrire le cure mediche ed il ristoro ai partecipanti. Tutte le tappe hanno un percorso che varia dai 150 km della più corta, fino ai 270 km di quella che presenta la complessità minore. L'otto di Maggio è previsto il rientro presso i paesi di origine di tutti i partecipanti ma l'associazione è sicura che l'anno successivo saranno in molti quelli che si ripresenteranno alla partenza. Infatti già l'anno scorso si è avuto un vero e proprio successo ed anche le aspettative per il 2016 sono veramente molto elevate.


Questa esperienza segna nel profondo tutti gli appassionati di moto che vogliono provare qualcosa di assolutamente nuovo. In nessun'altra occasione, infatti, si potrà riuscire a provare tutte le sensazioni e le emozioni che si troveranno in questo luogo. La bellezza del paesaggio fornirà una cornice incredibile ad una delle avventure più belle che sia possibile fare a bordo di un mezzo a motore.

Quando si decide di accendere un prestito di qualunque tipo lo si fa per esigenze ben precise. In particolare è possibile richiedere alcune tipologie di finanziamento finalizzato, oppure quelli che vengono definiti prestiti personali. La prima forma citata è costituita da dilazioni di pagamento oppure veri e propri prestiti che permettono al soggetto richiedente di acquistare uno specifico bene che servirà a soddisfare un suo bisogno.

Se, invece, si ha solo bisogno di un certo ammontare di liquidità, magari per superare un periodo economico non troppo felice, si potrà richiedere un finanziamento che non sia finalizzato nell'acquisto di uno specifico oggetto. In questo secondo caso, infatti, non verrà richiesto di indicare l'utilizzo che si vuole fare del capitale ma il soggetto sarà completamente libero di farne ciò che desidera. In ogni caso, comunque sorge quasi sempre il problema di scegliere se applicare all'operazione un tasso fisso od uno variabile. In sostanza la differenza è da ricercarsi nelle aspettative di mercato e nelle necessità del richiedente. Infatti un tasso fisso è molto più idoneo per quelle persone che non vogliono rischiare di veder aumentare la propria rata.

All'inizio della contrattazione, infatti, si stabilisce quello che sarà il costo dell'intera operazione e viene redatto un piano di ammortamento che presenterà gli importi da pagare per ogni mese del periodo di finanziamento. In questo modo non ci saranno mai sorprese di alcun tipo per il soggetto interessato, tuttavia è da notare che i tassi fissi hanno sempre un costo maggiore rispetto a quelli variabili.

Per chi sceglie questa seconda ipotesi, quindi, esiste la possibilità di risparmiare se il valore del tasso di riferimento dovesse abbassarsi. Infatti il tasso variabile è costituito da una parte fissa che viene accordata con la banca ed una variabile. Quella variabile è riferita ad un tasso di riferimento che viene preso come base per il calcolo dei costi. Solitamente è l'Euribor ma potrebbe essere un valore anche differente. In sostanza, se durante il periodo di finanziamento, il tasso di riferimento subirà delle diminuzioni, anche la rata del soggetto che ha acceso il prestito diminuirà. Ovviamente è facile intuire che in caso contrario il costo dell'operazione tenderà a salire.

Per questo motivo questa tipologia di finanziamento viene solitamente riservata a quei soggetti che sono in grado di assorbire un'eventuale aumento dei tassi di riferimento. Tuttavia è da notare che dopo la crisi economica globale iniziata nel 2008, molti dei tassi di riferimento hanno subito delle oscillazioni ben precise. Per questo motivo, se le condizioni di mercato dovesse rimanere stabili anche per il 2016, potrebbe risultare davvero conveniente optare per un tasso variabile che possa fornire la speranza di un costo inferiore a quello fisso.

Tuttavia è sempre bene specificare che i soggetti che non hanno una propensione al rischio molto elevata dovrebbero sempre preferire un tasso fisso anche perché anch'essi stanno subendo delle variazioni al ribasso, seppur inferiori.