A cosa servono e come funzionano le macchine utensili: analizziamo le principali tipologie

Prima di passare ad una classificazione delle principali macchine utensili che è possibile trovare sul mercato, è opportuno identificarle con una definizione ben precisa. Per macchina utensile si intende qualsiasi macchina utilizzata in ambito industriale per la lavorazione di particolari materiali, mediante l’asportazione di trucioli, cioè del materiale in eccesso. Sono attrezzature che, avvalendosi del lavoro di speciali utensili, permettono di modificare forma e dimensione di qualsiasi oggetto, indipendentemente dal materiale di cui son fatti.

Per definire una precisa classificazione delle macchine utensili bisogna prendere in considerazione anche il movimento di lavoro delle stesse macchine, cioè il moto relativo del pezzo contro l’utensile. Infatti, il movimento di lavoro del tornio è ben diverso da quello della limatrice o di altre macchine ed è per questo che è importante considerare le modalità in cui una ben definita macchina opera per trasformare uno specifico oggetto.
Non solo: anche il movimento di alimentazione assume un ruolo fondamentale per la classificazione delle macchine utensili. Nello specifico si tratta del movimento di avanzamento, che può essere dato al pezzo da lavorare, ovvero all’utensile, affinché cambi la superficie di lavoro, così da poter utilizzare diverse traiettorie per la trasformazione. In questo modo è possibile trasformare il pezzo, sottoposto all’azione di una specifica macchina, in modo più semplice e, soprattutto, più preciso, potendo contare anche su un gran numero di diverse lavorazioni. Tale movimento di avanzamento può essere continuo oppure discontinuo.

Chiariti questi punti, è possibile cominciare ad entrare con minor timore nel grande mondo delle macchine utensili, per cercare di scoprire quali tra queste macchine sono quelle occupano una posizione di rilievo nel mercato di riferimento.

Le più diffuse macchine utensili sul mercato

Seguendo quanto detto fino a questo momento, per ottenere una precisa classificazione, è possibile distinguere le macchine utensili in base al loro preciso moto di lavoro. In base a tale parametro è possibile affermare che le macchine utensili più diffuse sul mercato sono:
• Torni, trapanatrici, alesatrici e fresatrici, che rientrano nella categoria delle macchine con moto di lavoro rotatorio;
• Piallatrici, limatrici e segatrici, che appartengono alla sottocategoria delle macchine utensili con moto di lavoro rettilineo.

A queste, che sono le più comuni macchine utensili, le quali occupano una grande fetta del mercato di riferimento, se ne aggiungono molte altre, che sono comunque ampiamente utilizzate nel settore industriale. Ecco che le dentatrici, le affilatrici, le lappatrici e le filettatrici vanno a riempire gli spazi vuoti del grande puzzle industriale delle trasformazioni.

Tutte le macchine utensili sul mercato stanno subendo una naturale evoluzione, verso quello che è un nuovo concetto di macchina, tutto declinato alla più alta forma di tecnologia e innovazione. Il mercato è governato dalle leggi dell’evoluzione tecnologica e di conseguenza anche le principali macchine utensili cambiano faccia. La prima figura che spesso si materializza nella mente di chi pensa ad una macchina utensile è sempre quella di un grande tornio, antico, rudimentale. No, la macchina utensile moderna è un vero e proprio mix di differenti tecnologie, che permettono lavorazioni più veloci e precise e che aiutano a sopportare un carico di lavoro sempre maggiore. Veri e propri robot pronti a trasformare con semplicità qualsiasi oggetto, qualsiasi materiale. Non è sbagliato inserire le principali macchine utensili prima citate in quello che il mondo dell’industria 4.0.
Sta per partire l’appuntamento pugliese con la musica più famoso dell’estate, il “Radionorba Battiti Live” che quest’anno vuole stupire ancora di più e, dunque, dopo aver rivelato il calendario e le location, tra le quali è inserita anche Nardò come tappa salentina (l’unica, il 23/7), presentiamo il cast artistico musicale, che sarà il grande animatore delle serate d’estate 2017.

 “La quindicesima edizione di Battiti segna una svolta importante: il nostro pubblico vede l’ingresso dei Duemila, che già sono entrati a far parte della nostra grande famiglia radiofonica e che, come già accade nell’offerta di Radionorba, non potevamo deludere è così abbiamo costruito un cast che potesse soddisfare sia loro che contemporaneamente i loro genitori”, è quanto ha dichiarato Marco Montrone, presidente di Radionorba, la Radio del Sud, organizzatrice della rassegna, che ha poi aggiunto “sapere che da uno stesso palco ci ascolteranno in piazza, in radio, in Tv e sul web tre generazioni, non più musicalmente in conflitto, devo confessare che fa venire i brividi”.

Alan Palmieri, direttore artistico e conduttore delle serate, aggiunge: “La linea seguita è quella di selezionare musica di alta qualità anche attingendo da quel mondo parallelo “fai da te” degli youtuber. Il quadro che emerge è una sintesi di gusti musicali che hanno in comune novità e tradizione, novità negli arrangiamenti e tradizione nella severità della ricerca musicale, che abbiamo colto anche negli autori più giovani”.



Ma veniamo quindi agli artisti che compongono il prestigioso cast del Battiti Live: saranno circa 50 ad entusiasmare il pubblico sui palchi di Bari, Nardò, Andria, Melfi e Taranto, cercando, con le loro performances e la loro musica, di accontentare i gusti più disparati.

Non possiamo non citare il vincitore di Sanremo, quel Francesco Gabbani, che, con il suo “tormentone intelligente”, è riuscito nell’intento di far ballare tutti al ritmo di una musica simpatica ed orecchiabile, che piace a tutte le età. A seguire, un re del rap, Fabri Fibra con le due sue hit, “Fenomeno” e “Pamplona”, e il gruppo rivelazione dell’anno, i Thegiornalisti, molto ascoltati nelle radio con il loro “Riccione”.

Ma non solo tormentoni e balli, anche la musica impegnata di Ermal Meta, splendido nella sua interpretazione di “Amara terra mia” sul palco dello scorso anno, riproposta anche al Festival di Sanremo. E parlando del festival, per la prima volta a Battiti live anche la grande Fiorella Mannoia e con lei altri nomi famosi come Nek, Tiromancino, Gigi D’Alessio, Francesco Renga, Paola Turci, Marco Masini, Alex Britti, Samuel, Nina Zilli e Mario Venuti.

Non mancano artisti internazionali: in attesa della conferma di Ofenbach, sicure le presenze di Jasmine Thompson, Alok, il Dj brasiliano (numero 25 della classifica dei 100 dj più famosi del mondo), e Kadebostany, la band svizzera che da Ginevra si è fatta conoscere in Italia con il singolo “Mind if I stay”. Certe anche le esibizioni di Lenny, l’autrice di “Hell.o”, una delle canzoni più suonate da tutte le radio italiane, e di Jenn Morel, e tanti ancora.

Tra questi, anche Fabrizio Moro e poi i più giovani Chiara Galiazzo, i The Kolors, Bianca Atzei, Michele Bravi, Elodie, Sergio Sylvestre, Alessio Bernabei e Lele, vincitore di Sanremo giovani. Esordio per i ragazzi di Amici, ovvero il vincitore 2017 Riki con Federica e Thomas, e, da XFactor, Gaia. Per finire Gabri Ponte, uno dei dj italiani più apprezzati, molto ascoltato in radio con Danti e la nuova hit “Tu sei”, e Takagi e Ketra, con il tormentone dell’estate 2017, “L’esercito del selfie”.

Un appuntamento atteso non solo dai salentini ma anche dai numerosi turisti che in questo periodo hanno preso d'assalto il territorio e che villeggiano nei numerosi villaggi turistici del Salento, hotel, b&b, ecc.